Google
 

10 marzo 2008

(Documentario) Genere minore di un'arte minore?

Il fotografo procede, con l'intermediario dell'obbiettivo, a una vera presa di impronta luminosa, a un calco (...) [ma] il cinema realizza lo strano paradosso di ricalcarsi sul tempo dell'oggetto e di prendere oltre a ciò l'impronta della sua durata

Ritaglio di Deleuze su Bazin

Segnalo:
Un'ora sola ti vorrei Alina Marazzi
Essere e avere Nicolas Philibert

E per l'8 Marzo niente mimose, noi vogliamo anche le rose

16 commenti:

Gabriele ha detto...

La minoranza è minoranza e non parte del tutto perché in democrazia prevale l'arroganza della stupida magniloquenza e non l'essenza delle cose.

Gianfranco ha detto...

Sarei curiosissimo di vedere l'ultimo documentario da te segnalato, ma da queste parti mi sembra molto difficile... Comunque, da parte mia, nessun genere minore.

Franca ha detto...

Ho letto che è un bel film.
Comunque, in questi tempi di nuovo oscurantismo ci vogliono più slogan e meno mimose...

Linus - Iltrenodinotte ha detto...

Tutto ci riguarda e su tutto dobbiamo impegnarci. Sono tempi bui, tempi di fascismo e clericalismo. Gli emarginati, le donne oppresse da una società maschilista e clericale, gli immigrati, gli esclusi, tutti quelli che pur facendo una vita normale, stentano, arrancano, vedono i propri desideri ed i propri sogni calpestati dall'arroganza del potere di turno, per i libertari, gli atei, per tutto quel mondo che non trova cittadinanza, che non può esprimere se stesso senza essere criminalizzato, stigmatizzato, allontanato, escluso. Tutte e tutti dobbiamo renderci conto della deriva autoritaria del nostro paese, dove ormai le leggi che si presume dovrebbero regolare la vita comune sono lettera morta, mero strumento dell'oligarchia al potere, un'oligarchia ricca e parassitaria, che vive all'ombra di istituzioni di cui una volta di più si deve constatare la sostanziale continuità storica con il fascismo, mai del tutto interrotta nella storia mancata di quella he avrebbe dovuto essere una democrazia.
Cerco di documentare questo imbarbarimento e questa deriva partendo con i più deboli, gli ultimi, i perseguitati, quelli da cacciare: gli zingari. Con una canzone di De André ed un video sul Porrajmos, lo sterminio nazista dei Rom.

saluti libertari
el

Maurizio ha detto...

Macchè! Non esiste arte minore. L'arte può essere di nicchia ma ciò non presuppone lo svilimento dell'arte.

moltitudini ha detto...

Rose, rosse, e nel pugno chiuso.
:)

spina ha detto...

Ciao Gucciaaaaaaaa
mi laureo venerdì!!
Vieni??
ciao
spina

Rita Charbonnier ha detto...

Ciao, Guccia bella! Sei poi andata alla manifestazione? Io il film della Marazzi l'ho visto l'altro giorno. La cosa che mi ha più fatto piacere è stato il clima che si è creato in sala alla fine: nessuno ha mosso il sedere dalla poltrona fino all'ultimo scampolo di sottotitolo, e tutti andandosene discutevano, in modo anche acceso. Anch'io tra qualche giorno dedicherò un post a questo film. A presto!

andrea ha detto...

Ne ho sentito parlare molto bene.

Roberto ha detto...

Ciao passo a salutarti
Roberto

Isabel Green ha detto...

avrei una proposta da fare. sicuramente hai sentito in questio giorni del tibet. ti propongo di scrivere un post a riguardo per dare la visibilità che merita all’argomento.ovviamente nessuno obbligo è solo una proposta

giulia ha detto...

Non è per niente un'arte minore, è un altro tipo di arte... Giulia

Gianluca Pistore ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Home Theater ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
giulia ha detto...

Volevo aggiungere i miei più cari auguri... Giulia

Roberto ha detto...

_♥♥_♥♥
_♥♥___♥♥
_♥♥___♥♥_________♥♥♥♥
_♥♥___♥♥_______♥♥___♥♥♥♥
_♥♥__♥♥_______♥___♥♥___♥♥
__♥♥__♥______♥__♥♥__♥♥♥__♥♥
___♥♥__♥____♥__♥♥_____♥♥__♥_____
____♥♥_♥♥__♥♥_♥♥________♥♥
____♥♥___♥♥__♥♥
___♥___________♥
__♥_____________♥
_♥____♥_____♥____♥
_♥____/___@__\\___♥
_♥____\\__/♥\\__/___♥
___♥_____W_____♥
_____♥♥_____♥♥
_______♥♥♥♥♥


Buona Pasqua
Roberto