Google
 

17 novembre 2010

Appunti per una ricerca in corso, ovvero: "così impiegherei, se potessi permettermelo, gran parte del mio tempo"

Da quasi due anni sto lavorando su una ricerca che riguarda l'analisi dell'ambientazione del film. Inauguro oggi un sottocapitolo tramite il quale vorrei proporre il rapporto fra parola (orale vs scritta) corpo e oggetto (mi sono servita degli studi di Baudrillard per proporre un paragone fra "oggetto-reliquia" e "oggetto-utensile"). Il tutto dovrà essere inserito all'interno di un macro capitolo sugli interni del cinema del dopoguerra italiano d'ambientazione meridionale e contadina con un occhio sempre rivolto agli studi sulla cultura materiale e alla letteratura coeva (fonte di tanti film del periodo e legata al concetto di testualizzazione del visto).

A forza di sezionare e ferire i corpi pellicolari mi è capitato fra le mani un accostamento d'immagini che da solo dice di più di un intero trattato sul modo pasoliniano di esprimere il concetto di sacralità tramite il rapporto fra personaggio e ambiente. Tanto mi ha emozionato che sento la necessità di condividerlo:




Un insieme di citazioni, altrettanto commoventi se accostate, mi hanno spianato la strada e con esse intendo introdurre questa parte del lavoro:

In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e Dio era il Verbo [...] E il Verbo si fece carne e dimorò fra noi
*(Gv 1,1-14).

A capo de tutto ce sta Dio, padrone de lo cielo, questo tutti ce lo sanno.
Poi viene il Principe de Torlonia, padrone de la terra.
Poi vengono le guardie de lo Principe.
Poi vengono li cani de le guardie de lo Principe.
Poi niente.
Poi ancora niente.
E poi ancora niente.
Poi venghene li cafoni
.
*[Fontamara - Carlo Lizzani]

- Noi non siamo Cristiani, - essi dicono, - Cristo si è fermato a Eboli -.

* [Cristo si è fermato ad Eboli - Carlo Levi]

1 commento:

chit ha detto...

Bentornata, detto da uno che fa meno apparizioni di Bin Laden!, mi mancavano i tuoi post stimolanti e devo dire che con quest'elenco ti sei superata come "input"!? :-)
Mi prendo qualche giorno e torno con una risposta 'sensata' che ora, visto il mio attuale stato celebrale, tale probabilmente non sarebbe.
In argomento cinema, con le dovute proporzioni, ti chiederai quando puoi di visionare questo cortometraggio che abbiamo realizzato con l'Associazione per stimolare a pensare su un argomento come quello dell'identità di genere:

http://www.transgenere.it/blog/index.php/sono-sempre-stata-chiara/

Mi piacerebbe un tuo parere.
Un abbraccio forte, a presto.