Google
 

09 gennaio 2007

Apocalypto


Prima mi sono sorbita un noiosissimo film splatter con cuori strappati con le unghie da casse toraciche di burro e che pulsano per ore tutti belli interi mentre gli uomini dal cui corpo sono stati estratti li osservano inebetiti (vivi e inebetiti). Gente che corre per un'ora e venti almeno. Gente trafitta da trappole per tapiri, tapiri sbudellati e di cui vengono ingenuamente mangiati i connotati, donne che partoriscono in 1 minuto e mezzo e col parto in acqua perché adesso va di moda. Magari nelle cliniche private americane lo faranno vedere alle future mamme. Una trama tra le più banali che ricordi di aver mai visto (c'è persino il salto nella cascata e l'eroe che salva in extremis la bella famigliola allargata in extremis proprio dal parto in acqua!) Poi trovo affermazioni come queste [mymovies.it]:

"La tesi del film è annunciata da una frase dello storico-scrittore Will Durant: una grande civiltà non viene conquistata fino a quando non si distrugge da sola dal di dentro. Così, quando nel 1518, gli spagnoli "conquistadores" sbarcarono per la prima volta su una spiaggia dello Yucatàn, per portare la nuova civiltà, i Maya avevano già compiuto buona parte del lavoro ed erano, diciamo così, predisposti".

Immagino che questa sia la gioia degli antropologi, degli storici e degli intelligenti. Ma i linguisti non si preoccupino, anche loro hanno modo di gioire [Da Primissima]:

"nonostante sia parlato in una lingua scomparsa e sconosciuta".

Passata la noia mi monta la rabbia.
A Mel proprio gli scappava un film, certi istinti non si possono trattenere, trattenere fa male. E i critici raccattano il film dal marciapiede, non sia mai che qualcuno ci si sporchi le scarpe.

1 commento:

SoulChoppa ha detto...

E certo, lo dice anche Mingardi: "Piutost che tenir denter, l'è mej scancherer!"
Diverrei quattrocchi e direi "io oooodio chi si vuole elevare a tutti i costi, ponendosi ben distante da chi usa istinto e fregnacce, seppur autentiche!"
E oooodio i professoroni che comunque devono vergare quei puntini sulle i che a nessuno, c'è da dire, fregano davvero.
Tanto poi lo sanno tutti che anche loro si vedono Vanzina e si divertono pure e lo giudicano "il miglior suo degli ultimi anni".
Ma vààààà vààà!