Google
 

12 giugno 2007

Maria Cervi

Ieri, a Gattatico, è mancata all'affetto dei suoi cari e di noi tutti Maria Cervi, figlia di Antenore, bambina di nove anni che ha assistito all'orrore che ha stroncato il cuore di sua nonna e che le ha portato via per sempre il papà e i suoi sei zii.
Stiamo preparando un telegramma da inviare al museo Cervi, ente per il quale era attivissima, sempre pronta a tener viva la memoria e la battaglia. Fate altrettanto anche voi e facciamo sentire a chi faceva a tutti gli effetti parte della sua famiglia che la memoria resterà viva e che l'enorme lavoro di Maria, soprattutto coi giovani, nel museo e per la costituzione, non è stato inutile.
Vorrei poter esprimere a parole la gratitudine per questa donna coraggiosa e forte, ma anche dolce e potervi far sentire quanto sono sinceramente, profondamente commossa. Anche se sono ancora fiduciosa nel futuro, con lei ci è venuto a mancare qualcosa di immenso che ci sta scivolando silenziosamente fra le dita senza che quasi ce ne accorgiamo. Un triste evento che dovrebbe ricordarci il tesoro di cui generosamente ci fanno partecipi i nostri anziani, il doloroso ricordo che decidono di condividere con noi, la preziosa saggezza di cui sono portatori.

La notizia. Oggi la camera ardente, domani i funerali.

Museo fratelli Cervi
Via Fratelli Cervi 9, 42043 Gattatico (Reggio Emilia)
Tel 0522 678356
Fax 0522 477491

11 commenti:

Radiant ha detto...

Mi associo al cordoglio per la scomparsa di Maria Cervi; sono certo che la sua opera sarà portata avanti dai tanti che hanno apprezzato la sua opera di memoria storica. Lei (così come tutta la sua famiglia) è stata e continuerà ad essere un testimone fondamentale per la perpetuazione dei valori resistenziali.

Gloutchov ha detto...

:( Mi spiace. Spero tanto che la sua opera possa continuare a vivere...

Galadriel ha detto...

povera purtroppo di questi grandi personaggi si viene sempre a sapere qualcosa in più quando passano a miglior vita...

Ed ha detto...

Pure io mi associo al cordoglio. Tocca a noi tenere vive nella memoria delle future generazioni persone come lei.

Marco ha detto...

La cosa che mi fà rabrividire e che tanti,forse troppi giovani non sanno nemmeno chi sia la famiglia Cervi!
Con lei va via un pezzo di RESISTENZA Italiana!

guccia ha detto...

E una donna che ha sempre lottato per i valori acquisiti nella resistenza e marchiati nella costituzione che hanno subito fin troppi attacchi.

spina ha detto...

.. non si puó non essere tristi davanti a queste notizie.
torno al passato
e mi ricordo di un amico speciale..
.. uno che con la sua semplicitá ci aveva insegnato l'amore per la vita e per i propri ideali..
.. Mi ricordo del sorriso di Ennio..
tutte le volte che lo andavo a trovare in sezione..
.. della sua semplicitá e della sua generositá..
.. della sua giovane e inmancabile presenza.
E' brutto vedere
una generazione come quella nostra
che non sa
non capisce
e non vede
che non vuole imparare da gente come Maria..
.. rifugiati nell'individualismo..
.. che di fondo rende impotente l'uomo!

Gianfranco ha detto...

Ogni nonna porta con sè il fardello delle cicatrici di una lunga vita, ogni nonna, qualsiasi nonna. Quando va via però il valore della vita si computa in relazione al peso del fardello...

Marco ha detto...

Probabilmente hai già firmato la petizione contro il boy love day,se non l'hai fatto vai subito sul mio blog e diffondetelo!!!

princeps ha detto...

Un saluto commosso a pungo chiuso. La Resistenza non morirà mai.

maurob ha detto...

Grossa perdita...